Il Blog

Se fai quello che hai sempre fatto, otterrai quello che hai sempre ottenuto! Per ottenere qualcosa di diverso devi fare qualcosa di nuovo!

La donna che sussurrava ai cavalli

Oggi si parla di una donna speciale, una futura collega Mental Coach, con ha una passione che l’ha accompagnata per tutta la vita: i cavalli. Quindi lascio spazio alle sue bellissime parole e attenzione…ci sono insegnamenti importanti:

“Si dice che le persone che amano i cavalli siano diverse, dotate di una speciale sensibilità, acuita sia dall’amore per queste creature straordinarie, sia dal rapporto profondo che riescono a instaurare con esse: quando sono con i cavalli, vivono come in un’altra dimensione, un mondo incantato.

I cavalli sono talmente percettivi, da presagire umori e stati d’animo: non gli si può mentire, leggono nella nostra anima. Si instaura, dunque, tra uomo e animale, un’unione profonda, quasi una sorta di comunicazione telepatica. Se si riesce a creare un rapporto di stima, intesa, rispetto reciproco e amore, il destriero è pronto a tutto per il proprio cavaliere, persino a buttarsi nel fuoco.

Quando si stabilisce una relazione con un cavallo, si impara a gestire le emozioni, sviluppare l’autocontrollo, schiarire la mente e mantenere la concentrazione. Possono essere maestri di vita, capaci di rendere le persone più responsabili. Per i più giovani, il rapporto con i cavalli rappresenta un’esperienza di alto valore formativo. Un bambino o un adolescente può trovare nel cavallo un educatore, un amico e un compagno di avventure. La prima lezione che viene impartita, è come “cadere da cavallo”: bisogna subito rialzarsi e risalire in sella, sconfiggendo paura, rabbia, vergogna, in alcuni casi dolore. E’ come una metafora della vita, si può cadere, ma ci si deve rialzare!

Ho avuto la fortuna e l’onore di “conoscere” i cavalli all’età di nove anni e da allora non ho mai smesso di amarli. Sono cresciuta in compagnia di una delle razze più antiche, i Lusitani: è avvenuto in Portogallo, dove ho avuto l’eccezionale opportunità di frequentare la scuola di Arte Equestre del Maestro Luis Valenca, in cui ho imparato a montare con sensibilità e “cuore”

Per chi attraversa un momento di crisi e per i malati, può essere terapeutico avvicinarsi a questo mondo: è scientificamente provato che il movimento dl cavallo e il contatto con esso stimolano il cervello, aumentando la produzione di serotonina e danno piacere. Con l’ippoterapia, spesso, si ottengono notevoli miglioramenti, specie in alcune particolari patologie. 

Mental Coach equitazioneIl cavallo Lusitano, come dice il mio maestro, è “un’opera d’arte vivente”, compagno inseparabile dell’uomo fin dall’antichità. Da sempre uno dei mezzi più importanti nella conquista della civilizzazione, gli dobbiamo molto nello sviluppo dell’agricoltura, senza contare che, anche grazie a lui, la comunicazione tra i popoli è divenuta più veloce. I Lusitani venivano utilizzati anche in guerra, ove le figure di Alta Scuola, come le levade e le capriole, avevano la funzione di bombe e proiettili. Fu proprio durante i conflitti, che vennero selezionati gli esemplari di maggior agilità, coraggio e affidabilità, poiché un’esitazione da parte del cavallo a un input del cavaliere, poteva significare la morte di entrambi. Sin dai tempi più remoti, si rivelarono anche una fonte di ispirazione per pittori e scultori.

Il mio percorso mi ha portato a specializzarmi nel dressage, un misto tra balletto e ginnastica artistica, durante il quale vengono eseguite, a cavallo, particolari figure, che richiedono un risultato preciso e armonico. E’ quasi come se si facessero ballare i cavalli! Questa disciplina esige una perfetta intesa tra cavaliere e cavallo, che deve necessariamente essere allenato, curato, alimentato, trasportato e mantenuto nell’attitudine  psicologica più adatta. Più che uno sport, si tratta di un’arte, supportata da un’immensa passione. Da qualche anno gestito una scuderia a sud di Milano, dove insegno questa tecnica meravigliosa.

Ritengo i cavalli esseri spirituali capaci di appassionare e rapire l’anima di chiunque. Ringrazio Dio per avermi dato il dono di riuscire a capire e interpretare l’anima di queste splendide creature. E’ per questo che vorrei ricordare a tutti che i cavalli vanno trattati come principi e principesse, perché anch’essi sono dotati di un’animo nobile…è questo che insegno da sempre ai miei allievi…”

Eva Rosenthal

(pubblicato anche  su Kudos Magazine)

Cosa ti è piaciuto di più? 

  1. lisa02-21-2012

    Meraviglioso sentire che c’è qualcuno che comprende profondamente l’animo di queste creature…io, il mio primo approcio con loro l’ho avuto a 6 anni e con degli splendidi esemplari di purosangue arabi.
    Loro sono diffidenti e pieni di energia che deve essere incanalata nel modo coretto.. ma quando la simbiosi, magicamente si crea, la soddisfazione della comprensione reciproca è impagabile!!!
    Vero anche il fatto che con loro non si può mentire…e questo insengna la sincerità verso se stessi e verso gli altri…tanto utile per comprendere come realmente ci si deve approcciare alla vita in modo propositivo: mentire, a volte, può apparire la via più semplice ma sempre si rileva la più infima.
    Grazie per questa galoppata di emozioni sul manto magico delle creature più nobili del regno animale!! a volte…anche più di quelle umane :)
    Impariamo da loro a leggere gli animi e coglierne l’essenza…
    grazie

    lisa :)

  2. Luca03-01-2012

    Grazie Mille Lisa! E’ vero gli animali ci riportano al contatto con la natura, e alla nostra profonda natura.

Leave a Reply